FREQUENZA 96.5 MHZ

martedì 23 Aprile 2024

FREQUENZA 96.500 MHZ

martedì 23 Aprile 2024

L’idea è di alcuni giovani pugliesi: digitalizzare i processi ristorativi attraverso dei format verticali culinari basati su strategie data-driven. Si è iscritta presso la Camera di commercio di Taranto, con procedura interamente digitale supportata dall’Ufficio AQI – Assistenza Qualificata alle Imprese della Camera di commercio di Taranto, la startup innovativa Vertical Srl. La nuova startup ha sede nel Comune di Taranto.

«Attraverso la sua business intelligence dotata di intelligenza artificiale e big data, infatti, Vertical è in grado di individuare e creare dei format ristorativi che soddisfano le domande di mercato in un tempo breve di circa un mese – commentano i soci Ismaele, Giuseppe, Marco e Ivano. Dopo la creazione dei “verticali” (da qui il nome) e lo sviluppo di un menù studiato in termini di quantità, valori nutrizionali, ingredienti e forniture di qualità e prezzi concorrenziali, la startup lancia sul mercato un brand che si configura come un vero e proprio ristorante da cui ordinare e ricevere il proprio pasto entro 30 minuti. L’intento è sì di cavalcare l’onda dell’innovazione tecnologica del settore ristorativo (in ottica più allargata anche delle Smart city), ma anche e soprattutto di garantire piatti “buoni, sani e veloci”, così come recita il nostro motto». «Secondo il Report trimestrale del Ministero dello Sviluppo Economico – Unioncamere – Infocamere, in Italia, al 30 giugno scorso, 2.292 startup innovative hanno optato per una procedura interamente online per la loro costituzione e, di queste, ben 875 hanno scelto di avvalersi dei servizi degli uffici AQI camerali – specifica Claudia Sanesi Segretario generale dell’ente camerale- I numeri tarantini, tuttavia, non segnalano ancora quella crescita necessaria ad assicurare il “salto” auspicato, ma l’insieme degli interventi pubblici sembra avere questo obiettivo. Come Camera di commercio, nell’ambito delle nostre competenze, continuiamo a lavorare, soprattutto in questo momento di emergenza nazionale, perché “fare impresa”, anche grazie alle procedure digitali che abbattono tempi e costi, sia sempre più semplice per chi ha idee e capacità innovative».