FREQUENZA 96.5 MHZ

sabato 15 Giugno 2024

FREQUENZA 96.500 MHZ

sabato 15 Giugno 2024

Sabato primo giugno le “Archeoguide” del MArTA, Museo Archeologico di Taranto, avevano in media 11 anni. Si tratta di 120 studenti e studentesse della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto “Alessandro Volta”, che dopo un percorso di studio e conoscenza durato un anno, hanno raccontato a coetanei e visitatori, le bellezze della collezione del museo.

Tutto questo è frutto di una sorta di protocollo d’intesa firmato tra il MArTa e l’istituto “Volta”, che sancisce l’ingresso del Museo nel “Patto educativo di comunità territoriale” di cui la scuola è capofila. Un impegno comune nei confronti del contrasto alla povertà educativa e alla dispersione scolastica.

«L’iniziativa – ha spiegato la direttrice del Museo, Stella Falzone – rende i bambini partecipi all’interno del museo di attività a loro dedicate, attraverso questo contenitore “Archeobimbi”, pensato per i nostri piccoli fruitori. I bambini oltre a fare da guida ai loro coetanei e visitatori all’interno della collezione, allieteranno anche con un percorso musicale».

Nell’area della Temporary Art, infatti, 30 giovani orchestrali dell’Istituto Comprensivo si sono esibiti con una ensemble di chitarra, violini e flauto traverso, coordinati dalla professoressa Arianna La Taratara.

Gli altri studenti hanno guidato i visitatori lungo tutto il percorso espositivo del MArTA nei turni di visita dalle 9 alle 11, dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19. Rinunciando evidentemente ad un sabato libero, ma in gioco c’era molto di più.

«È un progetto – ha spiegato la dirigente scolastica dell’Istituto “Volta”, Teresa Gargiulo – che abbiamo voluto elaborare dall’inizio dell’anno per favorire un approccio diverso ai ragazzi. Entrando dentro alle questioni della storia e della mitologia che è rappresentata dai reperti che abbiamo qui nel museo. Hanno potuto avere un segno tangibile della storia. È stato un approfondimento che è servito sicuramente a loro, ma adesso devono diventare protagonisti davanti ad un pubblico e raccontare ciò che hanno recepito. Insomma, una prima esperienza di ipotesi di orientamento alle scelte future».

Il percorso è inglobato nella didattica orientativa che favorisce lo svilupparsi delle propensioni degli studenti. I reperti che hanno studiato, al Museo e a scuola con le due professoresse di lettere, Antonia Spicoli e Simona Cito, possono essere divisi in 3 filoni: la figura della donna, sport e giochi, infine la musica.

Non è la prima volta che il Museo di Taranto si apre alle giovani generazioni, lo aveva fatto anche lo scorso anno con “Musica Fluida”, rassegna dedicata agli adolescenti. «Ci diversifichiamo – risponde Falzone – la cosa importante è coinvolgere tutti i target di pubblico. Alla fine noi vediamo che i bambini sono quelli che in questi ultimi mesi hanno proprio riempito, con nostra grande felicità, le sale del museo. Quindi è importante dedicare a loro delle attività specifiche»