FREQUENZA 96.5 MHZ

sabato 15 Giugno 2024

FREQUENZA 96.500 MHZ

sabato 15 Giugno 2024

L’apprendimento della lingua del paese ospitante è essenziale per l’autonomia e l’inserimento nella comunità locale. Parlare la lingua consente di esprimersi in attività quotidiane come fare la spesa, utilizzare i trasporti pubblici, richiedere informazioni, conseguire la patente o accedere ai servizi sanitari. Dal mese di marzo, la Biblioteca Civica Pietro Acclavio ospita un corso di lingua italiana che, destinato ai migranti provenienti da Burkina-Faso, Nigeria, Iraq, Afghanistan e Gambia, è gestito dalla Cooperativa I.S.O.L.A. Il progetto fa parte delle iniziative S.A.I. e LGNet2, affidate dal Comune di Taranto alla cooperativa.

Il tesseramento di 25 migranti presso la Biblioteca è un’azione congiunta tra l’Ente Civico e il Terzo Settore. «Questo corso – ha dichiarato il sindaco Rinaldo Melucci- rappresenta un passaggio fondamentale nel più articolato processo di inserimento nella nostra comunità di rifugiati e richiedenti asilo. La lingua è il primo passo verso l’integrazione, e attraverso questa iniziativa, ci impegniamo a fornire le competenze linguistiche necessarie per navigare nella vita quotidiana, accedere a servizi essenziali e partecipare attivamente alla realtà tarantina. Questa iniziativa è un segno tangibile del nostro impegno a costruire una comunità inclusiva e solidale, dove ogni individuo ha la possibilità di contribuire e prosperare».

L’iscrizione alla biblioteca e l’accesso ai servizi offerti, quali il prestito librario, la consultazione, l’uso delle sale studio e la connessione wi-fi, sono strumenti chiave per favorire l’integrazione dei rifugiati e dei richiedenti asilo nella vita cittadina. Il progetto LGNet2, finanziato dal Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020, è coordinato dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, in collaborazione con Anci. L’obiettivo del progetto è continuare a prendersi cura dei migranti che non hanno ancora raggiunto una piena integrazione e rinnovare il modello del partenariato strategico già sperimentato con LgNet per migliorare le politiche di inclusione delle nostre città. Le azioni finalizzate all’inclusione dei cittadini che vivono situazioni di marginalità – sociale, sanitaria, abitativa – incidono sulla sicurezza del territorio e contribuiscono a migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. I Comuni coinvolti dalla rete: Bologna, Caserta, Firenze, Genova, Latina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Roma, Sassari, Taranto, Torino, Trieste e Bolzano rappresentato dall’Azienda Servizi Sociali Bolzano.